giovedì 11 giugno 2015

A.T. Scissionista!


E pensare che all’urlo di «Scissionista! Scissionista!» ci siamo sempre fatti tante risate.
Era uno slogan scherzoso. Ma per me - in fondo - neanche tanto. Avendo sempre creduto nell’indipendenza, nella libertà di movimento, in certi margini di autonomia.

Allora d’accordo che sono un irrequieto, casinista, polemico e spesso anche cagacazzi, allergico per natura a qualsiasi forma di gerarchia, di ordine e di PROCEDURE. Quindi va da sé che puoi vivere una vita intera senza “rispettare le regole” quando rispondi solo a te stesso. Quando giochi da solista, non in gruppo.
Se invece fai parte di una comunità, non puoi pensare che gli altri - rispettando quelle regole - possano avallare il peso delle tue scelte, dei tuoi egocentrismi, dei tuoi modi di fare, delle tue conseguenze. Può durare qualche tempo, forse. Ma alla fine, sei non sei capace ad “allinearti” a quel gioco di squadra, se non sei disposto ad integrarti, la rottura diventa inevitabile. Ecco perché mai come stavolta ho pensato che fosse assolutamente VERO che «se non sei parte della soluzione, allora sei parte del problema»

Il paradosso, anche un po’ doloroso, è che non sto affatto mettendo in dubbio IL PERCHE’ di questa fine, che ci sta tutto. Che volendo ha anche le sue più che legittime ragioni.
No: è IL COME sia avvenuta.
Il modo.
Che ha rovinato tutto.

mercoledì 10 dicembre 2014

Raccontare Memling.

MEMLING: RINASCIMENTO FIAMMINGO.
11 ottobre 2014 - 18 gennaio 2015.
Scuderie del Quirinale, Roma.
www.scuderiequirinale.it

Invitato mercoledi scorso per una visita serale, questa è «Raccontare Memling» by S3Keno...
Volendo, QUI anche in alta definizione.

martedì 9 dicembre 2014

giovedì 4 dicembre 2014

Kuore come strenna natalizia.

Il buon Andrea Voglino con questo suo pezzo sui 10 consigli fumettosi per i regali di Natale pubblicato su Il Manifesto, mi ha fatto venire in mente che… si, insomma… che veniate o meno a Più Libri Più Liberi (dove potrete incontrami di persona) «Kuore nella notte» potrebbe essere davvero quel regalo di Natale che ancora vi mancava: originale, divertente, romantico, anticonvezionale, attualissimo… e anche economico!!! ;)

Un romanzo a fumetti da regalare a quel vostro nipote adolescente in piena tempesta ormonale, a quel vostro collega nerdissimo che bisogna assolutamente salvare dal tunnel di manga e supereroi, a quel vostro amico hipster che si studia sempre COSA mostrare in Metro quando legge le graphic novel da poser, a quella vostra nuova fidanzata in fissa per “X-Factor” che pensa che ciò che fa Fedez sia rap!

Ma, scherzi a parte, anche alle persone a cui volete davvero bene, visto che - fondamentalmente - è un libro che parla d’amore. Amore tra un ragazzo e una ragazza. Amore per le proprie passioni e i proprio valori. Amore per Roma, nonostante tutti i suoi difetti e la difficoltà di viverci.
Ecco: un modo per far conoscere UN’ALTRA ROMA POSSIBILE (di cui spesso si ignora l’esistenza) a chi ci volete un sacco bene!

Un romanzo a fumetti da regalare, arricchito“personalizzato” con dedica dell’autore (per chiunque mi direte voi) e “schizzo” originale sul frontespizio. Con quale altro libro potreste fare una cosa del genere?
E se non aveste modo e/o tempo di passare al Palazzo dei Congressi tra venerdi e domenica - dove posso dedicarvelo "dal vivo" - potrete tranquillamente scrivermi a info@liskaprod.it e ci mettiamo d’accordo, spese di spedizione comprese ;)

Dai, che il Natale è quasi alle porte.
Un Natale… di Kuore!!!

lunedì 24 novembre 2014

sabato 8 novembre 2014

Dove trovare KNN?


Da quando è uscito Kuore nella notte, ci sono molti amici e/o conoscenti (in molti casi persone che non frequentano fiere o fumetterie) che mi chiedono: «Dove posso acquistarlo?»
Solitamente io rispondo: «In libreria!»
Dando per scontato che almeno quello - la libreria - sia un luogo in cui QUALCHE VOLTA entrano per conto loro, anche fosse per un paio di libri all’anno ;)

Ora, è chiaro: io non mi chiamo Zerocalcare e la mia casa editrice - pur se di massima qualità - non ha la forza commerciale di una Mondadori, tanto per dirne una.
Ma i loro libri sono comunque distribuiti a livello nazionale da Me.Li. - Messaggerie Libri, cioè il più importante distributore italiano per le librerie di varia.

Questo cosa vuol dire?
Semplice: che in libreria dovreste trovarlo, tanto più se si tratta di grosse catene. Ma se anche quella specifica libreria che frequentate abitualmente non dovesse averlo (semplicemente perché non l’ha ordinato)… beh, potete fargliela ordinare voi, come QUALSIASI altro libro pubblicato in Italia con regolare codice ISBN, che lo fa ESISTERE in catalogo.
Se ordinate il libro, Messaggerie Libri glielo porta in pochi giorni.
A voi basta dire al vostro libraio di fiducia titolo, autore e editore.
Titolo: Kuore nella notte
Autore: Stefano Piccoli
Editore: Tunué
Codice ISBN (facoltativo): 978-88-6790-122-7

Ma se anche trovaste FATICOSO arrivare fino in libreria (e doverci pure ritornare quando vi confermano l’arrivo del vostro ordine) allora c’è pur sempre il web, per chi ne è avvezzo.
Kuore nella notte è raggiungibile in mille modi.
Attraverso lo store Tunué.
Ma anche su Amazon.
Oppure su La Feltrinelli.
O ancora su Ibs.
E via dicendo, su tutte le maggiori piattaforme di e-commerce.
TUTTO CHIARO?
#daje

martedì 4 novembre 2014

KNN feat. Militant A

Tratto dalla presentazione di «Kuore nella notte» di sabato 4 ottobre 2014 a Romics, moderato da Sergio Algozzino con ospite Militant A di Assalti Frontali. Che ha detto:

«Il fumetto parla di cose che toccano il mio mondo, il mondo del rap. E io sono venticinque anni che faccio rap. Dagli anni ’80, la vecchia scuola. Quindi me lo sono letto con piacere e devo dire che è un bel fumetto, che ha vari piani di lettura, che ha una trama in cui sì - è vero - c’è Roma, ma soprattutto c’è un mondo, il mondo dei ragazzi che vivono di graffiti. Che io conosco abbastanza bene, e che secondo me è un mondo SANO dentro le metropoli. In questi venticinque anni ho visto crescere tante generazioni di pischelli. Molti di loro si appassionano a varie cose, che sia la propria squadra del cuore o qualsiasi altra cosa, ma c’è anche chi passa la vita dentro ai centri commerciali. Poi ci sono quelli che vivono per fare un graffito sul muro e - secondo me - questi sono un modello sociale che magari ce ne fossero di più in giro! Cioè un modello sano e creativo dentro la città. Avendo conosciuto e incontrato moltissimi di questi ragazzi che vivono per dipingere o per mettere dischi e fare scratch, penso in alcuni casi vivano in un proprio mondo che a volte è addirittura FUORI dal mondo che è dentro la città. Infatti a me piace molto il momento in cui il vigilante entra dentro la Snia Viscosa, trova quelli che facevano i “cattivi” con i “buoni” e gli dice: “Voi non sapete nemmeno il veleno che io c’ho dentro”… ecco, io lì ci ho visto IL VERO, ci ho visto il fatto che chi fa i graffiti cerca in qualche modo di uscire fuori da quel veleno in cui invece è affondato il vigilante. Quella secondo me è una delle scene più rivelatorie di tutta la storia perché - appunto - ti racconta come chi cerca di dipingere, chi cerca di fare qualcosa attraverso l’hip hop, cerca comunque una via di uscita positiva e creativa al tritacarne che poi fondamentalmente è la metropoli.
Loro vivono questa cosa, vivono un amore “fantastico” che diventa uno sfogo anche per la crew rivale, che poi a loro volta si trova davanti al vero veleno, senza nemmeno aspettarselo! Ci ho trovato questa cosa che mi è piaciuta molto: ci ho trovato l’innocenza e la forza della creatività positiva della street art in un mondo che poi è molto più cattivo e malvagio, che ti stritola non appena può.
Malgrado questo, l’hip hop e i graffiti sopravvivono sempre e si riproducono nel corso degli anni. Io sono trent’anni che li vedo. Malgrado si cresca e si succedano le generazioni, i muri sono sempre ricoperti da nuovi pezzi e da nuove tag.
Secondo me “Kuore nella notte” è un bellissimo omaggio che Stefano fa, conoscendo molto bene questo mondo. Poi certamente c’è il rap di sottofondo, si sono tantissimi altri simboli dietro, forse addirittura troppi riferimenti e troppi input, che però sono comunque importanti, perché danno profondità al racconto. Mentre lo leggevo, inizialmente pensavo che raccontasse una storia senza questo tipo di contrasto, invece poi esce molto bene questo aspetto che conferisce al libro un valore formativo ed originale rispetto a tante altre storie basate su questa cultura, proprio per via di questa cattiveria - quella della città - che arriva d’improvviso contro l’innocenza di questi ragazzi».

Nient'altro da aggiungere.
Se non ringraziare Matteo "KingKazuma" Gaspari per avermi fornito il video dell'incontro.