giovedì 22 gennaio 2009

"Accattatevillo!!!"


Tra le mille cose ancora da leggere, ho una pila accumulata dei bei volumi cartonati "Batman - La Leggenda" (quelli settimanali della Planeta DeAgostini in collaborazione con "Panorama"); in edicola siamo arrivati - mi pare - al 21° numero, e io ho appena finito di leggere il 9°, tanto per capirci.
Questa bella collana ha un solo unico difetto: le prefazioni di Alessandro Di Nocera.
Rendendo pan per focaccia, forse dovrei scrivere che "si dovrebbero debitamente strappare e incenerire le inutili e controproducenti prefazioni del Di Nocera, domandandosi quando imparerà che il silenzio vale più di mille parole", nevvero? Eh eh eh...

Dunque: io - quando capita - sono un autore di fumetti. Dico sempre che sono tutti più bravi di me a scrivere e disegnare, siamo d'accordo. Quindi sono oltremodo abituato (dal 1993) a critiche e/o recensioni negative, che sono parte integrante di un "gioco pubblico" che per sua stessa natura ci ESPONE al giudizio degli altri. Tanto dei lettori (che ritengo SEMPRE più importanti) quanto dei cosiddetti addetti al settore. E qui si intenderebbero critici, giornalisti, editor o - volendo - anche gli altri autori.

Da quando ho ricominciato con il nuovo Massacratore per la Bottero Edizioni (cioè marzo 2006), il caro Di Nocera - che ripeto spesso essere assai più affabile di persona di quanto non faccia intendere dai suoi testi - mi ha regolarmente bastonato in maniera sempre, puntualmente, sonora. Fossero state solo cattive recensioni, ci sarei pure stato. Ma non si è mai limitato ad una critica prettamente basata sul valore (o meno) dei miei fumetti: ha SEMPRE sforato sul personale, con regolari attacchi all'autore/persona, quindi alle mie caratteristiche personali, ai miei valori, alle mie convinzioni politiche o religiose, alle mie attitudini professionali.
Io però non voglio fare altrettanto. Non parlerò del Di Nocera come persona (di cui non mi frega nulla) ma del suo operato. Cioè i suoi articoli.
Perchè se scrivo del nuovo album di John Legend, analizzo produzioni, arrangiamenti, testi... e non me ne frega un cazzo se beve e tira coca o di quante studentesse arrapate s'è portato a letto durante il tour!!!

Allora stavolta il gioco si ribalta.
Perchè quello ESPOSTO è lui, e io adesso non parlo da autore di fumetti. Casomai da lettore. E da giornalista.
Eh si, perchè (se lo dimentica sempre pure lui) io scrivo regolarmente per diverse testate nazionali. Scrivo interviste, articoli e recensioni. Tante recensioni (senza andare a recuperare i vari "Rockstar" o "Vanity Fair" che siano, moltissime - volendo - sono di dominio pubblico, facilmente reperibili in rete). Quindi, nonostante io scriva di musica e non di fumetto, in tanti anni di giornalismo sul campo credo di saperle un paio di cose sul come si scriva una recensione (nonchè di avere gli strumenti adeguati per poter leggere/analizzare quelle degli altri). Spesso in duemila battute - oltre alle proprie opinioni - bisogna saper dare il maggior numero possibile di informazioni e riferimenti al lettore, cercando al contempo di intrattenerlo con una scrittura scorrevole e frizzante.

Ed ecco che torniamo alle prefazioni dei volumi "Batman - La Leggenda".
Che sono a dir poco IMBARAZZANTI: ovvie, approssimative, generaliste, prive di qualsiasi informazione utile, di qualche minima curiosità, di mordente.
Prendo a caso un passaggio dalla prefazione del 9° volume, quello che ho appena finito di leggere (ma gli esempi potrebbero essere molti altri). Parlando di Barbara Gordon, Di Nocera scrive: "Nelle vesti di Oracolo, coordina anche le Rapaci, un team di supereroine che di recente è anche approdato a una trasposizione sul piccolo schermo"...
Se fosse stato un mio pezzo, avrei scritto la stessa frase in questo modo: "Nelle vesti di Oracolo, Barbara Gordon coordina anche le Birds of Prey, un gruppo che - oltre a lei stessa - comprende la Cacciatrice e Black Canary, al quale nel 2002 la Warner Bros Television ha liberamente dedicato un serial TV interpretato da Ashley Scott, Dina Meyer e Rachel Skarsten, i cui 13 episodi della prima ed unica stagione sono stati trasmessi in Italia da Canal Jimmy"...
Uhm?

Ora, sia chiaro: qualcun altro potrebbe a sua volta trovare da ridire pure sulla mia versione. Ma non è questo il punto.
Il gioco dei ruoli (ribaltati) può ripetersi all'infinito. Il punto è che forse non bastano un libro (mediocre) sui supereroi ed una rubrica su un portale di comics per potersi permettere di stabilire il buono ed il cattivo tempo nel fumetto italiano, specialmente con certi toni e con certe licenze. Forse ci vorrebbero meno saccenza, meno arroganza e meno sparate assolutamente gratuite. Forse ci vorrebbero più strumenti critici e più umiltà. Tanto nello scrivere sulle cose d'altri, da critico, quanto nel prepararsi maggiormente a scrivere la proprie, da autore (tantopiù se sono commissionate e ben retribuite). Si chiama professionismo, vero?

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Possibile che ci sia uno che le spara addirittura piu' grandi di Perissi?

Curioso ha detto...

"Forse ci vorrebbero meno saccenza, meno arroganza e meno sparate assolutamente gratuite. Forse ci vorrebbero più strumenti critici e più umiltà."

Come non darti ragione?

Francesco ha detto...

Ma s' io avessi previsto tutto questo, dati causa e pretesto, le attuali conclusioni
credete che per questi quattro soldi, questa gloria da stronzi, avrei scritto canzoni;
va beh, lo ammetto che mi son sbagliato e accetto il "crucifige" e così sia,
chiedo tempo, son della razza mia, per quanto grande sia, il primo che ha studiato...

Mio padre in fondo aveva anche ragione a dir che la pensione è davvero importante,
mia madre non aveva poi sbagliato a dir che un laureato conta più d' un cantante:
giovane e ingenuo io ho perso la testa, sian stati i libri o il mio provincialismo,
e un cazzo in culo e accuse d' arrivismo, dubbi di qualunquismo, son quello che mi resta...

Voi critici, voi personaggi austeri, militanti severi, chiedo scusa a vossìa,
però non ho mai detto che a canzoni si fan rivoluzioni, si possa far poesia;
io canto quando posso, come posso, quando ne ho voglia senza applausi o fischi:
vendere o no non passa fra i miei rischi, non comprate i miei dischi e sputatemi addosso...

Secondo voi ma a me cosa mi frega di assumermi la bega di star quassù a cantare,
godo molto di più nell' ubriacarmi oppure a masturbarmi o, al limite, a scopare...
se son d' umore nero allora scrivo frugando dentro alle nostre miserie:
di solito ho da far cose più serie, costruire su macerie o mantenermi vivo...

Io tutto, io niente, io stronzo, io ubriacone, io poeta, io buffone, io anarchico, io fascista,
io ricco, io senza soldi, io radicale, io diverso ed io uguale, negro, ebreo, comunista!
Io frocio, io perchè canto so imbarcare, io falso, io vero, io genio, io cretino,
io solo qui alle quattro del mattino, l'angoscia e un po' di vino, voglia di bestemmiare!

Secondo voi ma chi me lo fa fare di stare ad ascoltare chiunque ha un tiramento?
Ovvio, il medico dice "sei depresso", nemmeno dentro al cesso possiedo un mio momento.
Ed io che ho sempre detto che era un gioco sapere usare o no ad un certo metro:
compagni il gioco si fa peso e tetro, comprate il mio didietro, io lo vendo per poco!

Colleghi cantautori, eletta schiera, che si vende alla sera per un po' di milioni,
voi che siete capaci fate bene a aver le tasche piene e non solo i coglioni...
Che cosa posso dirvi? Andate e fate, tanto ci sarà sempre, lo sapete,
un musico fallito, un pio, un teorete, un Bertoncelli o un prete a sparare cazzate!

Ma s' io avessi previsto tutto questo, dati causa e pretesto, forse farei lo stesso,
mi piace far canzoni e bere vino, mi piace far casino, poi sono nato fesso
e quindi tiro avanti e non mi svesto dei panni che son solito portare:
ho tante cose ancora da raccontare per chi vuole ascoltare e a culo tutto il resto!

chicco ha detto...

e daje, che mo' ce mancava solo Guccini!!!
(che porta pure sfiga)......

S3Keno ha detto...

Beh... magari proprio "sfiga" no, però (lo dico sempre pure a Ottokin) che sgretolamento di palle!!!

Aridatece Aphex Twin ;)
eh eh eh...

disa ha detto...

咕蒂咕蒂,古德曼,咖啡,諾亞方舟,米世代,中法料理,葡萄酒,葡萄,高盧,紅眼樹蛙,亞瑪遜,音樂餐廳,幕府壽司,佐佐義,咖啡,異國麵坊,竹林亭,便宜,掌櫃,貝果,東西廚房,火鍋,江南,素食館,蒂皮屋,紐奧良,音樂餐廳,爵士,咖啡,蟳之屋,居酒屋,巴黎,溫馨小館,蓮西亞,明日,馬卡來,奧瑪,烘培餐聽,西班牙,黛麗莎,布花園,冒煙的橋,花草,園藝,沙發餐廳,餐廳,哈里歐,咖啡,愚人花園,串門子,古柏鎮,棒球,韓式烤肉,韓式烤肉,味蕾工坊,輕食餐廳,餐廳,咖啡館,咖啡,主題餐廳,蘭亭香,炭火,五角冰舖,咖哩拉麵,咖哩,御菇園,料理,壽司,香子屋,向下走