giovedì 9 aprile 2009

Morgan e non solo.


E' in uscita il nuovo album di Morgan senza Bluvertigo ("Italian Songbook Vol.1" per la Sony Music). Ovviamente cominciano a fioccare interviste promozionali su riviste musicali e non, tra le quali quella firmata da Gianni Santoro su "XL" di Repubblica, che gli dedica anche una delle due copertine del numero di aprile (nell'altra c'è Gianna Nannini). Quindi ora notate bene, su ciò che leggerete in seguito: Morgan - che è uomo furbo et intelligente - SA BENE che lo spettatore medio di "X-Factor" coltiva la propria "cultura musicale" (?) attraverso la TV.. ma NON LEGGE riviste di musica!!!

Alla fine, è come ricostruire i pezzi di un puzzle (che poi è un po' quello che dicevo ad una simpatica lettrice quando la invitavo ad "accendere il cervello" nella sua fruizione passiva dei media). Riprendendo il passaggio di un mio lungo post su "X-Factor", sostenevo: "Simona Ventura, Mara Maionchi e Morgan BARANO. E con X-Factor MENTONO sapendo di mentire, soprattutto quando parlano alla gente di professionalità, carriera e discografia. Stanno lavorando (strapagati dalla Rai) ma sono i primi a NON CREDERE al telento di questa gente che fa la fila per i provini, presentandosi a migliaia. Sono i primi, proprio loro, a sapere che una carriera musicale si costruisce su altre basi, certamente non passando da qui"... "Ecco perchè Morgan è doppiamente ipocrita: perchè - aldilà dell'ingaggio che ha ricevuto - la pensa anche lui così".

A questo proposito, ecco un breve estratto dell'intervista di cui sopra.
• Morgan: "Il problema non sono gli artisti, sono i media, le radio, i giornali, che sono più indietro"...
• Santoro: "E X-Factor può aiutare?"
• Morgan: "Boh, non credo proprio".
• Santoro: "In una puntata hai detto che tu non avresti mai partecipato"...
• Morgan: "Io sarei andato fuori dagli studios a tirare i sassi! No, scherzo, ma non avevo bisogno della TV, non la guardavo e non la guardo adesso. Io suonavo nei centri sociali, nei circoli Arci o nei conservatori, dove c'era musica. Ora dai per scontato che devi essere famoso, devi apparire, c'è gente che non sa neanche che cazzo fa, canta, balla, boh... non sono preparati a nulla nella vita, eppure vogliono essere famosi, ma per cosa? Per la bella faccia? E i genitori gli danno corda, gli dicono che devono vincere, nessuno dice di stare a casa e studiare. Senza imparare qualcosa non puoi fare un cazzo nella vita".


Bene.

Nello stesso numero, curiosamente, c'è anche un lungo reportage realizzato dalla redazione raccogliendo le opinioni di un botto di gente che lavora nel mercato italiano (artisti, manager, conduttori radiofonici, giornalisti musicali, discografici, etc.) riguardo le differenze di trattamento e diffusione tra la musica "alternativa" e quella mainstream da parte di TV, radio e stampa specializzata.
Tra i numerosi interventi, riporto - NON A CASO - proprio quelli di Chicco Sfondrini (autore televisivo e direttore della scuola di "Amici" di Maria De Filippi) e di Mara Maionchi (discograffica e giudice di "X-Factor"), che rispettivamente ci dicono...

• Sfondrini: "La TV modifica i contenuti artistici che trasmette e li rende omogenei a se stessa. Al contenuto alternativo la TV non fa bene, perchè pone la scelta solo tra modificarsi per essere trasmesso o essere trasmesso modificato"... "Perchè non si smette di pensare che il mondo sia tutto da vedere dentro la televisione? Proprio perchè lavoro in TV, ho ben chiaro che se voglio sentire la musica che adoro (Dream Dyndacate o meglio Steve Wynn, Baustelle, The National, Fleshstones, Kings of Leon, Ben Folds e altri) devo andarmela a sentire dal vivo, oppure con gli occhi chiusi in una stanza. Non pretendo certo che questa stessa musica la ascolti mia mamma il sabato sera nel programma dove lavoro".
• Maionchi: "Noi con X-Factor risuciamo a dare grande visibilità, ma finito quello tutto si azzera".


Interessante, nevvero?
Così come è interessante notare che Simona Ventura non l'hanno nemmeno chiamata a dire la sua ;)

7 commenti:

Andrew's Tavern ha detto...

Ottimo post, davvero.

Anonimo ha detto...

interessante come un buco di culo

esse tre kappa ha detto...

beh, caro anonimo... è ovvio che per uno come te il cui orientamento sessuale è palesemente omosessuale anche un ano risulta interessante, quindi ci fa davvero molto piacere che tu abbia voluto condividere con noi questa tua particolare passione.

Respect to every gay attitude!!! :-)

Anonimo ha detto...

ma che idiota sei che ti firmi esse tre kappa pensando che nessuno capisca che sei S3Keno? Mio dio quanto egocentrismo e pochezza qui dentro.

S3Keno ha detto...

Ah ah ah, in realtà lo sanno tutti che ero io... era solo PIGRIZIA nel loggarmi, sciocchino!!! Altrimenti sarebbe assai facile inventarsi nomi leggermente più depistanti, non credi? ;)
Non ho proprio niente da cui nascondermi, a differenza di gente come te (ma me fate davvero taijare, voialtri)...Ad ogni modo, se non ti garbano "egocentrismo" e "pochezza" sei sempre libero di andar per altri blog, mio caro coraggioso anonimo (che poi siete sempre quei due o tre soliti noti).
Pura vida, hermano.

porno ha detto...

GUARDA STE', IO PIU' VADO AVANTI E PIU' VERAMENTE NON CAPISCO CHE GUSTO CI PROVANO QUESTI *ANONIMI* AD ANDARE IN GIRO X BLOG A CAGARE IL CAZZO!!!!!! MA DAVVERO NON HANNO NIENTE DI MEGLIO DA FARE? CHE PERDONO PIU' TEMPO A LASCIARE UN COMMENTO DA IMBECILLI (((PER DI PIU' ANCHE SU POST ASSOLUTAMENTE TRANQUILLI COME QUESTO SU MORGAN, CHE E' PURE INTELLIGENTE))) PIUTTOSTO CHE CHIUDERE LA FINESTRA DEL BROWSER, O NO?
SECONDO ME E' COME HAI DETTO TU, CHE SONO SEMPRE LE STESSE DUE O TRE PERSONE CHE SONO INVIDIOSE O CHE MAGARI GLI STAI SULLE PALLE, E MAGARI ANCHE STAVOLTA E' QUELLA TIPA TELE-DIPENDENTE DELLE ALTRE VOLTE CHE PERO' NON VOLEVA SCRIVERE IL SUO NOME.
CHISSA'? MAGARI A SUA VOLTA ANCHE QUELLA LI' NON E' UNA *TIPA* MA QUALCUNO CHE VUOLE SOLO ROMPERTI LE PALLE, E CHE MAGARI SAI PURE CHI E'............

Anonimo ha detto...

quello che stavo cercando, grazie