sabato 6 ottobre 2007

"Fables" covers.


Stamattina ho finito di leggere l'ultimo volume (finora pubblicato) dello splendido "Fables" di Bill Willingham, ossia "Fiabe d'Arabia" (Vertigo/Planeta DeAgostini, € 11,95).

Aldilà dei due archi narrativi contenuti in questo nuovo TP, mi hanno colpito molto due copertine di James Jean, che sono QUASI CERTO non abbiano notato in molti: parlo delle covers dei numeri 44 e 45... dove l'autore utilizza lo STESSO punto d'osservazione, la STESSA identica costruzione, le STESSE pose, per rappresentare la Baghdad reale (quella del "nostro" mondo, sotto assedio militare) e la Baghdad delle fiabe.

Notate i bambini: nella prima SCAPPANO, uno di loro - vicino alla madre - piange disperato. Nella seconda GIOCANO, e quello vicino alla madre ride.
In questo caso, le due copertine NON si rifanno al contenuto dell'albo (come accade per le altre covers di questa serie) ma "raccontano" una storia a sè, con la semplice forza delle loro due immagini.
Straordinarie, non è vero?

2 commenti:

Niccolò ha detto...

Alessandro Dezi mi ha invitato a partecipare a questa lodevole iniziativa.
Personalmente ho molta fiducia in Mr. Dezi ed aiutarlo nell' impresa mi sembra proprio una cosa da fare!
Aderite numerosi.
Di seguito trovate il comunicato stampa, mi raccomando disegnate, disegnate e fate pensare!

“CHILDREN NO MORE”
Mostra a fumetti contro la violenza sui minori

“CHILDREN NO MORE” sarà una mostra dedicata alla violenza sui minori. Sarà organizzata da Alessandro Dezi, e Fiorenza Filippi, per conto dell’Associazione Onlus “Karibu”, (www.karibuonlus.it) che si occupa di missioni umanitarie nei paesi in via di sviluppo. Diversi sono i progetti già avviati e in fase di realizzazione in Tanzania e Perù, come adozioni a distanza, istruzione, edificazione di strutture, promozione dell’artigianato e dell’imprenditoria autoctona, con cifre spesso davvero ridicole per gli standard occidentali.
La mostra è prevista per la primavera del 2008, salvo imprevisti. Il tema è: la violenza sui minori, in ogni sua possibile accezione (bambini soldato, lavoro minorile, prostituzione, violenza sui minori, ecc.). Il progetto sarà quello di inaugurare a Colleferro (Roma) per poi renderci itineranti in diversi posti d’Italia, per almeno i due anni successivi. Lo scopo è quello di reperire fondi per sovvenzionare i progetti umanitari: fondi che andranno interamente devoluti (né gli organizzatori, né l’associazione tratterremo un solo euro, nemmeno per coprire le spese che saranno interamente sostenute dai soci).

Contiamo di coinvolgere nel progetto autori noti e non, professionisti o esordienti. E, comunque, tutti quelli che vorranno aderire, con nostro sommo piacere.

Gli artisti partecipanti potranno interpretare il tema come meglio ritengono opportuno. Le illustrazioni possono essere in bianco/nero o a colori. L’opera, con risoluzione 300 DPI, può essere inviarla sin d’ora esclusivamente via telematica all’indirizzo mail: childrennomore@yahoo.it

Non chiederemo tavole originali (non possiamo permetterci di pagare un assicurazione per le tavole esposte) ma provvederemo ad effettuarne stampa in alta definizione da esporre.

Il termine ultimo per inviare le opere è inderogabilmente il 31/01/2008.

Verrà creata una mailing list mediante la quale terremo tutti gli autori partecipanti in costante aggiornamento sull’evolversi del progetto.

Vi ringrazio per l’attenzione.

Saluti

Alessandro Dezi

Alcor ha detto...

Wow.
Che fine osservatore. Scommetto che sei l'unico ad aver notato questa cosa. He!HE!

p.s.
ma qusto qui sopra che c'entra con il tuo intervento?